Al via il MICROCREDITO per iniziative imprenditoriali

/Al via il MICROCREDITO per iniziative imprenditoriali

Al via il MICROCREDITO per iniziative imprenditoriali

 

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) informa che a partire dal 27 Maggio è aperto lo sportello telematico per l’accesso al Fondo per il microcredito imprenditoriale(in base ai decreti del 24/12/14 e 18/03/2015). È stata infatti pubblicata la circolare relativa alle Disposizioni Operative del Fondo al fine di prevedere:

  • l’ammissibilità alla garanzia delle operazioni di microcredito;
  • la procedura diretta di accesso al Fondo da parte dei soggetti beneficiari delle operazioni di microcredito.

 

 I soggetti interessati all’agevolazione possono effettuare la prenotazione delle risorse necessarie alla copertura finanziaria della garanzia utilizzando l’apposita procedura on line disponibile sul sito Internet del Fondo di garanzia.

 Lo strumento è rivolto alle imprese già costituite e ai professionisti già titolari di partita Iva:

  • attivi da non più di 5 anni;
  • con non più di 5 dipendenti (10 nel caso di società di persone, Srl semplificate, cooperative);
  • con attivo patrimoniale non superiore a 300mila euro;
  • con ricavi lordi non superiori a 200mila euro;
  • con livello di indebitamento non superiore a 100mila euro.

 

Tra i vantaggi offerti dal Fondo vi sono:

  • assenza la valutazione economico-finanziaria dell’impresa o del professionista;
  • la concessione della garanzia è gratuita;
  • la garanzia copre fino all’80% dell’ammontare del finanziamento concesso (Garanzia Diretta) o all’80% dell’importo garantito da Confidi o da altro Fondo di garanzia (Controgaranzia), a condizione che le garanzie da questi rilasciate non superino l’80% del finanziamento.

 

Spese agevolabili:

Viene incentivato lo sviluppo di un’attività di lavoro autonomo o di microimpresa, organizzata in forma individuale, di associazione, di società di persone, di società a responsabilità limitata semplificata o di società cooperativa. In particolare, micro-finanziamenti devono essere finalizzati, anche alternativamente, a:

  • all’acquisto di beni, ivi incluse le materie prime necessarie alla produzione di beni o servizi e le merci destinate alla rivendita, o di servizi strumentali all’attività svolta, compreso il pagamento dei canoni delle operazioni di leasing e il pagamento delle spese connesse alla sottoscrizione di polizze assicurative.
    I finanziamenti possono essere concessi anche nella forma di microleasing finanziario;
  • alla retribuzione di nuovi dipendenti o soci lavoratori; (durata massima 7 anni);
  • al pagamento di corsi di formazione volti ad elevare la qualità professionale e le capacità tecniche e gestionali del lavoratore autonomo, dell’imprenditore e dei relativi dipendenti; i finanziamenti concessi alle società di persone e alle società cooperative possono essere destinati anche a consentire la partecipazione a corsi di formazione da parte dei soci; (durata massima 7 anni);
  • al pagamento di corsi di formazione anche di natura universitaria o post-universitaria volti ad agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro delle persone fisiche beneficiarie del finanziamento.

 

Appena sarà pubblicato il relativo decreto attuativo, tratteremo in dettaglio anche de I progetti di inclusione sociale e finanziaria  previsti dallo stesso decreto. Questi, riguarderanno persone fisiche in condizioni di “particolare vulnerabilità economica o sociale”.

 

28/05/2015

 

By | 2015-05-28T14:42:53+01:00 Maggio 28th, 2015|Incentivi, Incentivi Italia, News|

About the Author:

Keyone Consulting è il partner ideale per assistere lo sviluppo della tua idea di impresa e guidarti nell’accesso ai contributi pubblici per la realizzazione di nuovi investimenti produttivi (acquisto di nuovi impianti, macchinari, attrezzature), progetti di ricerca e innovazione tecnologica (innovazione di prodotto e di processo)