Campania-Contributi per le imprese Artigiane

/Campania-Contributi per le imprese Artigiane

Campania-Contributi per le imprese Artigiane

La Regione Campania, per l’anno 2020, ha pubblicato un bando a favore delle Imprese Artigiane che intendono apportare significativi miglioramenti alle loro attività. Lo scopo  del bandono è supportare l’unicità e la qualità dell’artigianato Campano  promuovendo lo sviluppo di lavorazioni con nuovi materiali e desing  e rafforzando azioni di marketing attraverso  l’introduzione di nuove tecnologie.

A chi è rivolto?

Il bando è rivolto alle Micro Piccole e Medie Imprese Artigiane (PMI) che operano sul territorio della Regione Campania, che siano attive da almeno due anni dalla data di pubblicazione dell’avviso e risultino iscritte nell’apposita sezione del Registro delle Imprese Artigiane.

Interventi e spese ammissibili.

Nell’ottica di supportare un miglioramento tecnologico gli interventi ammessi sono:

  •  sviluppo di lavorazioni con nuove tecnologie e nuovi materiali;
  • sviluppo di nuove applicazioni di prodotto e di desing;
  • innovazioni organizzative tramite l’utilizzo delle TLC ;
  • miglioramento delle performance ambientali aziendali attraverso la riduzione significativa degli impatti delle attività produttive dell’impresa;
  • miglioramento dei livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Le spese ammesse  all’interno del programma sono:

  • impianti , macchinari e attrezzature;
  • programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi;
  • servizi specialistici in tema di ICT, marketing e innovazione, nel limite del 5% del totale del programma di spesa;
  • spese relative alla ristrutturazione della sede operativa (in misura non superiore al 30% del programma di spesa) e installazione di impianti, strettamente necessari e funzionali allo svolgimento dell’attività di impresa(nel caso di locali non di proprietà sarà necessario la presentazione di un contratto di locazione) ;
  • spese relative al capitale circolante, inerente all’attività d’impresa, nella misura massima del 30% del programma di spesa, limitatamente a interessi passivi su finanziamento bancario, spese per acquisizione garanzie, materie prime, materiali, semilavorati. Le spese relative ad interessi passivi su finanziamento bancario sono riconosciute fino ad un massimo di 5 anni.

Doveroso precisare che gli interventi devono essere completate entro 9 mesi dalla data di notifica del provvedimento di concessione, è ammessa una proroga di 3 mesi .

Quanto è possibile finanziare?

Il contributo concesso è a Fondo Perduto e l’ammontare totale delle risorse stanziate dalla Regione è di 10 Milioni di Euro .

L’importo minimo delle spese ammissibili deve essere di 10.000 Euro e quello massimo di 50.000 euro. Il contributo a fondo perduto equivale al 50% della spesa totale sostenuta ; quindi per una spesa di 50.000 euro verrà riconosciuto un contributo di 25.000 euro . Il sostegno è concesso in regime de minimis e non è cumulabile con altri interventi pubblici ammessi per le stesse spese.

Come e quando presentare domanda?

I proponenti possono presentare una sola istanza.

Le domande di agevolazione dovranno essere compilate on line accedendo, previa registrazione, al sito http://sid2017.sviluppocampania.it e inviate mediante procedura telematica. Sarà possibile presentare l’istanza a partire dalle ore 13:00 del 3 febbraio 2020 ed entro le ore 13:00 del 4 marzo 2020, salvo l’anticipato esaurimento delle risorse economiche disponibili.

A partire dal 10 gennaio 2020 sarà disponibile la modulistica per la presentazione delle istanze e a partire dal 16 gennaio 2020 sarà possibile iniziare la compilazione telematica.

Per ulteriori chiarimenti o domande specifiche potete contattarci qui.

 

By | 2020-01-13T12:54:36+02:00 Gennaio 9th, 2020|bandi, News|

About the Author:

Keyone Consulting è il partner ideale per assistere lo sviluppo della tua idea di impresa e guidarti nell’accesso ai contributi pubblici per la realizzazione di nuovi investimenti produttivi (acquisto di nuovi impianti, macchinari, attrezzature), progetti di ricerca e innovazione tecnologica (innovazione di prodotto e di processo)