Il ministero della cultura intende sostenere l’ammodernamento tecnologico delle sale teatrali finalizzato all’ampliamento dell’offerta culturale attraverso le modalità dello streaming. A tal fine è stato stanziato una quota di 20 milioni per l’anno 2021 del Fondo Emergenze.

Il contributo copre le spese sostenute e che sosterranno dal 1° gennaio 2021 al 30 aprile 2022 per l’acquisto e la messa in opera di apparecchiature necessarie alla ripresa e trasmissione degli spettacoli in streaming.

Beneficiari

La misura è rivolta a soggetti che esercitano in modo esclusivo attività di programmazione, con gestione a carattere continuativo, di una o più sale teatrali e sono in possesso dei seguenti requisiti:

a)avere sede legale in Italia;

b)essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali;

c)avere almeno una sala di proprietà o in gestione per lo spettacolo dal vivo con una capienza di almeno di 50 posti;

d)aver versato, nel 2019, contributi previdenziali non inferiori a duecento giornate lavorative per ciascuna sala con capienza compresa tra 50 e 299 posti, non inferiori a settecento giornate lavorative per ciascuna sala con capienza compresa tra 300 e 600 posti, non inferiori a mille giornate lavorative per ciascuna sala con capienza superiore ai 600 posti;

e)aver ospitato, nel 2019, rappresentazioni di spettacolo dal vivo (teatro, musica, danza o circo) attestate da distinte di incasso e da reversali SIAE intestate al soggetto richiedente per un numero minimo di trenta per ciascuna sala con capienza compresa tra 50 e 299 posti, di sessanta per ciascuna sala con capienza compresa tra 300 e 600 posti e di ottanta per ciascuna sala con capienza superiore ai 600 posti.

Entità dell’agevolazione

Il contributo è riconosciuto secondo i seguenti massimali.

a) sale con capienza da 50 fino a 299 posti: contributo sino a euro 200.000

b) sale con capienza fino a 600 posti: contributo sino a euro 400.000

c) sale con capienza superiore a 600 posti: contributo sino a euro 800.000

 

 

 

AVVISO PUBBLICO