La Legge di Bilancio 2023 è stata approvata in via definitiva ed è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2022. Con oltre 35 miliardi di euro, la Manovra si focalizza principalmente su aiuti a famiglie, imprese e lavoratori.

Ecco le principali novità che riguardano le imprese:

PROROGA NUOVA SABATINI

In merito alla Nuova Sabatini, La Legge di bilancio 2023 ha disposto la proroga di 6 mesi del termine di ultimazione degli investimenti per le iniziative con contratti di finanziamento stipulati dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2023.

PROROGA CREDITO D’IMPOSTA BENI STRUMENTALI INDUSTRIA 4.0

La Legge di bilancio 2023 proroga al 30 settembre 2023 il termine lungo di effettuazione degli investimenti relativi ai beni materiali 4.0 prenotati (ovvero per i quali è stato pagato l’acconto del 20%) entro il 31/12/2022.

PROROGA CREDITO D’IMPOSTA IMPRESE ENERGIVORE, GASIVORE E NON.

Il bonus per le imprese gasivore, energivore e non gasivore è prorogato al primo trimestre 2023, con aumento delle aliquote al 45% di sgravio per chi sta affrontando il rialzo delle spese energetiche di almeno il 30% . Per le non energivore, proroga al primo trimestre con aumento dell’aliquota al 35%.

PROROGA CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI NEL MEZZOGIORNO

Il comma 265, modificando il comma 98 dell’art. 1 della legge n. 208/2015, proroga al 31 dicembre 2023 il credito di imposta per investimenti con un bonus fino al 45% (acquisto di beni strumentali nuovi, quali macchinari, impianti e attrezzature varie) destinati a strutture produttive nelle regioni del Mezzogiorno. Il comma 266 provvede alla copertura degli oneri per il 2023 che vengono indicati in 1.467 milioni, ponendola a carico delle risorse del Fondo sviluppo e coesione relativamente al ciclo di programmazione 2021-2027, fermo restando il complessivo criterio di ripartizione territoriale.

PROROGA CREDITO DI IMPOSTA NELLE ZES

Il comma 267 proroga al 31 dicembre 2023 il credito di imposta con un bonus fino al 45% per investimenti nelle ZES (Zone economiche speciali), ponendo la copertura degli oneri a carico del Fondo sviluppo e coesione (FSC) – ciclo di programmazione 2021-2027.

PROROGA CREDITO D’IMPOSTA R&S “POTENZIATO” PER LE REGIONI DEL MEZZOGIORNO

Per le imprese operanti in Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, è confermata anche la possibilità di accedere per tutto il 2023 al bonus R&S “potenziato”. Sono previste aliquote al 25% per le grandi imprese, 35% per le medie imprese e 45% per le piccole imprese.

RIFINANZIAMENTO CONTRATTI DI SVILUPPO

I programmi di sviluppo industriale (inclusa l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e programmi di sviluppo per la tutela ambientale) sono rifinanziati con 160 milioni di euro per ogni anno tra il 2023 e il 2027 e 240 milioni di euro per ogni anno tra il 2028 e il 2037. I programmi di sviluppo delle attività turistiche, invece, prevedono una dotazione di 40 milioni per ciascun anno dal 2023 al 2027 e 60 milioni dal 2028 al 2037.

CREDITO IMPOSTA PER ACQUISTO CARBURANTI PER L’ATTIVITÀ AGRICOLA

La Legge di bilancio 2023 estende al primo trimestre 2023 il credito d’imposta a favore delle imprese esercenti attività agricola, della pesca e agromeccanica. Il bonus è pari al 20% della spesa sostenuta nel primo trimestre, per l’acquisto di gasolio e benzina per la trazione dei mezzi. Le sole imprese agricole e della pesca, possono inoltre usufruire del bonus, per lo stesso periodo, anche per l’acquisto del gasolio e della benzina utilizzati per il riscaldamento delle serre e dei fabbricati produttivi adibiti all’allevamento degli animali.

Il credito è compensabile e cedibile entro il 31/12/2023.

CREDITO D’IMPOSTA SPONSORIZZAZIONI SPORTIVE

Il credito d’imposta sponsorizzazioni sportive prevede un bonus pari al 50% delle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 marzo 2023. Sono incentivati gli investimenti pubblicitari a favore di leghe, società sportive e associazioni dilettantistiche sportive iscritte al registro Coni. La dotazione a disposizione per l’anno 2023 è pari a 15 milioni di euro.

Per approfondimenti: Gazzetta Ufficiale